Mappa Utenti

Entra in Chat
Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )

Pagine : (2) 1 [2]   ( Vai al primo messaggio non letto ) Reply to this topicStart new topic

> Il grande equivoco del prog odierno?
 
Cybergoth
Inviato il: Mercoledì, 13-Set-2017, 15:20
Quote Post


Lucky Man
**

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 87
Utente Nr: 835
Iscritto il: 16-Nov-2016



Con tutto il rispetto per i Mercury Tree, non è certo quella una band che si debba conoscere assolutamente. Un qualsiasi appassionato di musica, non solo di prog, non può non avere ascoltato i Magma ed essere felice di non averlo fatto. D'accordo, possono non piacere: ma bisogna ascoltarli. E questo vale per tutti i gruppi che hanno fatto la storia della musica, a prescindere dal genere e dalle vendite. I Mercury Tree possono anche piacere molto, una volta ascoltati, però, anche se non li si ascolta, non è che la nostra cultura in campo musicale ne abbia risentito. I gruppi fondamentali del prog sono tutti anni '60 o '70 e sono solo quelli lì da ascoltare assolutamente. Perfino i Marillion non sono fondamentali, per quanto possano piacere (ed a me i Marillion con Fish piacevano parecchio). Le radici sono importanti e non si possono non conoscere. Con questo non dico che debbano piacere per forza: ognuno ha i suoi gusti ed il mondo è bello anche per questo.

Messaggio modificato da Cybergoth il Mercoledì, 13-Set-2017, 15:21
PMEmail Poster
Top
 
Peppe
Inviato il: Mercoledì, 13-Set-2017, 15:26
Quote Post


Chameleon
Group Icon

Gruppo: Contributors
Messaggi: 5617
Utente Nr: 28
Iscritto il: 30-Mag-2007



QUOTE (river @ Mercoledì, 13-Set-2017, 14:41)
QUOTE (Peppe @ Mercoledì, 13-Set-2017, 09:39)
QUOTE (giuse @ Mercoledì, 13-Set-2017, 10:33)
Sono d'accordo con Antonio.
Gli elementi settantiani si sono quasi del tutto persi, ed è normale sia così.
Sono passati quasi 50 anni da In The court of Crimson King, sono veramente tanti...è come se un ascoltatore del 1970 prendesse come riferimento la musica del 1920.
E sono d'accordo anche  con Ayrton, magari partendo dai Riverside si può fare il percorso contrario.

Si può fare ancora grande prog con elementi settantiani, vedi i Nexus, tanto per fare un esempio. Quindi non si può dire che certe caratteristiche sono andate perse.

Riguardo al percorso al contrario, be', quando troverete qualcuno che partendo dai Riverside (o dal metal) arriva poi ai Magma e agli Univers Zero fatemi un fischio gia.gif gangialf.gif asd.gif

Peppe

Questo è altrettanto un discorso da presuntuosi. A questo punto ti direi: conosci i Magma, ma non conosci i Mercury Tree? Peggio per te. Non è affatto escluso che si conoscano entrambe le direzioni delle radici di un albero.

Parlerei più che altro di rami. E quelli secchi vanno tagliati sorriso.gif

Peppe
PMEmail PosterUsers WebsiteMSN
Top
 
Peppe
Inviato il: Mercoledì, 13-Set-2017, 15:31
Quote Post


Chameleon
Group Icon

Gruppo: Contributors
Messaggi: 5617
Utente Nr: 28
Iscritto il: 30-Mag-2007



QUOTE (Cybergoth @ Mercoledì, 13-Set-2017, 15:20)
Con tutto il rispetto per i Mercury Tree, non è certo quella una band che si debba conoscere assolutamente. Un qualsiasi appassionato di musica, non solo di prog, non può non avere ascoltato i Magma ed essere felice di non averlo fatto. D'accordo, possono non piacere: ma bisogna ascoltarli. E questo vale per tutti i gruppi che hanno fatto la storia della musica, a prescindere dal genere e dalle vendite. I Mercury Tree possono anche piacere molto, una volta ascoltati, però, anche se non li si ascolta, non è che la nostra cultura in campo musicale ne abbia risentito. I gruppi fondamentali del prog sono tutti anni '60 o '70 e sono solo quelli lì da ascoltare assolutamente. Perfino i Marillion non sono fondamentali, per quanto possano piacere (ed a me i Marillion con Fish piacevano parecchio). Le radici sono importanti e non si possono non conoscere. Con questo non dico che debbano piacere per forza: ognuno ha i suoi gusti ed il mondo è bello anche per questo.

appl.gif
Un po' estremo il discorso sui fondamentali solo negli anni '60-'70 (i Marillion, per esempio, per me sono fondamentali a loro modo. Come lo sono gli After Crying), ma sostanzialmente condivido tutto.
Vedete, un esempio che ho fatto sempre su quel gruppo facebook è che io ho difficoltà ad ascoltare i Can. Ogni tanto ci riprovo, ma non sono proprio nelle mie corde. Preferisco ascoltare i Dream Theater :-) Ma mai mi sognerei di negare il ruolo dei Can che è stato assolutamente fondamentale nella storia del prog e non solo. O di dire che i Dream Theater gli sono superiori...

Peppe
PMEmail PosterUsers WebsiteMSN
Top
 
Dario.Epic
Inviato il: Mercoledì, 13-Set-2017, 15:43
Quote Post


Hogweed
*

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 22
Utente Nr: 831
Iscritto il: 17-Ott-2016



Personalmente, venendo proprio dall'ambiente metal, questo è un argomento che mi sta molto a cuore. L'etichetta di "Progressive" a mio parere non può essere solo limitata alla musica di stampo settantanio, che amo moltissimo, perché sarebbe fuorviante e limitante: esistono infinite direzioni in questo che fortunatamente è un genere sempre in grado di rinascere dalle sue ceneri con centinaia di sfaccettature diverse. Sui social spesso ci si va a confrontare con persone immature che non hanno ancora intrapreso del tutto un percorso, che vivono considerando la loro musica la migliore dell'universo (chi di noi non l'ha pensato a 16 anni?) e non hanno ancora abbastanza elementi per rapportarsi con l'intero mondo musicale che li circonda, specialmente nei gruppi di gente in piena attività ormonale come Prog Snob. Con gente così è anche inutile discutere. Il discorso del 'vero progressive', comunque, mi fa abbastanza sorridere: mi ricorda quando parli con qualcuno di quelli che sostengono che il 'vero metal' è morto negli anni Ottanta e che tutto ciò che esce con influenze diverse dalla New Wave Of British Heavy Metal è schifo puro. Io amo il metal e vivo per esso, a quattordici anni sono stato illuminato sulla mia via per Damasco dall'estetica e dalla durezza del genere, quindi la prima volta che ascoltai "Storia di un Minuto" e "In the Court of the Crimson King" non vi nascondo che rimasi davvero perplesso: era una musica difficile che non riuscivo a capire. Eppure, dopo tanti anni (8 per l'esattezza), nel 2012 ho iniziato con PFM, Biglietto per L'inferno, Banco, Orme, Nuova Era, King Crimson, Gentle Giant, Moody Blues etc... Perché ho fatto un percorso che mi ha permesso di tornare alle radici della musica che amo. Non finirò mai di ringraziare i vari Devin Townsend, Leprous, Threshold, Enslaved, Mago de Oz, i Maiden di Seventh Son, i Ne Obliviscaris etc. per avermi aiutato a percorrere questa strada: oggi resto fedele al metal ma ho anche orizzonti molto più aperti di prima e sono anche arrivato ai Magma. Date tempo al tempo: magari non tutti faranno il mio stesso percorso, ma possiamo sperare che lo facciano in molti :) e non perdete tempo a leggere i social che sono la rovina della lucidità e del discernimento semmai gettate qualche consiglio che è sempre ben accetto!

Messaggio modificato da Dario.Epic il Mercoledì, 13-Set-2017, 15:47
PMEmail Poster
Top
 
Ayrton 2112
Inviato il: Mercoledì, 13-Set-2017, 18:51
Quote Post


Prog-Nauta
***

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 259
Utente Nr: 820
Iscritto il: 22-Gen-2016



QUOTE (Peppe @ Mercoledì, 13-Set-2017, 09:39)
Riguardo al percorso al contrario, be', quando troverete qualcuno che partendo dai Riverside (o dal metal) arriva poi ai Magma e agli Univers Zero fatemi un fischio gia.gif gangialf.gif asd.gif

whistle.gif

Te ne posso presentare quanti ne vuoi.
Dario è uno di questi, ma non è certo il solo.
C'è chi parte dai Riverside, chi dai classici Dream Theater, chi dai Queensryche, o dai Savatage. Io sono partito dai Rush, e il prog italiano l'ho scoperto da zero grazie alle recensioni di un sito che si chiama Truemetal, che tra draghi, teschi, spade e crocifissi rovesciati trattava Biglietto per l'Inferno, Banco, Area, Museo Rosenbach, Balletto di Bronzo ecc., con voti altissimi e commenti entusiastici.
Qualcuno arriva ai Magma, qualcun altro magari si "ferma" a Gong, Änglagård o Anekdoten.

A dire il vero, girando per concerti e forum e parlando con vari appassionati della mia generazione, trovo molti più metallari che amano il prog classico, che non appassionati di prog che apprezzano il metal asd.gif


--------------------
"Di tutte le aberrazioni sessuali, forse la più aberrante è la castità." (R. De Gourmont)
PMEmail Poster
Top
 
river
Inviato il: Mercoledì, 13-Set-2017, 19:48
Quote Post


Primo nemico del superbo Arlecchino
***

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 313
Utente Nr: 279
Iscritto il: 18-Set-2008



Ah Peppe, te ne presento uno: io.
PMEmail Poster
Top
 
river
Inviato il: Mercoledì, 13-Set-2017, 19:51
Quote Post


Primo nemico del superbo Arlecchino
***

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 313
Utente Nr: 279
Iscritto il: 18-Set-2008



QUOTE (Cybergoth @ Mercoledì, 13-Set-2017, 14:20)
Con tutto il rispetto per i Mercury Tree, non è certo quella una band che si debba conoscere assolutamente. Un qualsiasi appassionato di musica, non solo di prog, non può non avere ascoltato i Magma ed essere felice di non averlo fatto. D'accordo, possono non piacere: ma bisogna ascoltarli. E questo vale per tutti i gruppi che hanno fatto la storia della musica, a prescindere dal genere e dalle vendite. I Mercury Tree possono anche piacere molto, una volta ascoltati, però, anche se non li si ascolta, non è che la nostra cultura in campo musicale ne abbia risentito. I gruppi fondamentali del prog sono tutti anni '60 o '70 e sono solo quelli lì da ascoltare assolutamente. Perfino i Marillion non sono fondamentali, per quanto possano piacere (ed a me i Marillion con Fish piacevano parecchio). Le radici sono importanti e non si possono non conoscere. Con questo non dico che debbano piacere per forza: ognuno ha i suoi gusti ed il mondo è bello anche per questo.

Io non ascolto musica per accrescere o meno la mia cultura musicale, ma per assecondare o meno un gusto o una attitudine. Finché questa mentalità rimarrà ben salda, ci saranno sempre due fazioni e gente che pensa di poter insegnare agli altri come si ascolta la musica.
PMEmail Poster
Top
 
giuse
Inviato il: Giovedì, 14-Set-2017, 09:12
Quote Post


Lucky Man
**

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 88
Utente Nr: 814
Iscritto il: 07-Set-2015



Eh si, il problema è proprio questo...
Per me la musica è prima di tutto emozione, poi c'è anche il gusto di trovare strumentisti bravi, compositori geniali o la chicca che nessuno conosce.
Ma prima c'è l'emozione.
Quando ero più giovane ero anche io un po' talebano e consideravo poco o snobbavo tutti gli altri.
A me piacciono i Dream Theater (esclusa l'ultima ciofeca), i Flower Kings e i Soft Machine, gli Anekdoten e i Gentle Giant.
Impazzivo per gli ELP e gli Yes, e prima ancora per i Led Zeppelin e i Deep Purple.
Ora trovo grandi emozioni nei Big Big Train, ma anche negli IQ
E l'elenco potrebbe continuare...
Non è che non vedo le differenze tra i gruppi che ho citato, dopo quasi 50 anni di ascolti penso di avere un po' affinato l'orecchio e di vedere le differenze.
Ma un conto è la capacità tecnica o la primogenitura di avere "inventato" un certo genere, un conto è quello che si "sente" ascoltando la musica.
P.S. Anche io non sono mai riuscito a capire i Can...
PMEmail Poster
Top
 
Cybergoth
Inviato il: Giovedì, 14-Set-2017, 09:27
Quote Post


Lucky Man
**

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 87
Utente Nr: 835
Iscritto il: 16-Nov-2016



River, ognuno è liberissimo di ascoltare ciò che più gli piace e di fregarsene di tutto il resto (anche se non comprendo come possa uno sapere se gli piaccia o meno una cosa senza averla ascoltata). Io non penso affatto di poter insegnare agli altri come si ascolta la musica: non sono in grado di farlo. Ma ci sono persone che sono in grado e, fortunatamente (almeno secondo me), lo fanno. Converrai con me che la differenza tra un appassionato di musica ed un appassionato di solo quella musica che gli piace è abissale. Non sto affatto dicendo che uno sia meglio dell'altro. Se a me piace un gruppo che suona un determinato genere musicale, mi viene naturale di voler ascoltare chi ha inventato quel genere e quelli che hanno creato le ramificazioni più importanti. Senza contare che, se non ci fosse stato il gruppo xyz, probabilmerte ora non ci sarebbe nemmeno il gruppo zyx che mi piace così tanto. Chi vuole accrescere la propria cultura musicale necessita di conoscere i Magma (anche se non gli piace il prog), ma non necessita di conoscere i Mercury Tree. Chi vuole solo ascoltare musica per assecondare il proprio gusto, può ascoltare i Mercury Tree è tralasciare i Magma. Non c'è nulla di male. Però i gruppi fondamentali sono solo quelli che hanno creato qualcosa di diverso.
PMEmail Poster
Top
 
AntonioC.
Inviato il: Giovedì, 14-Set-2017, 11:01
Quote Post


Prog-Nauta
***

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 285
Utente Nr: 792
Iscritto il: 06-Dic-2014



QUOTE (river @ Mercoledì, 13-Set-2017, 18:51)
QUOTE (Cybergoth @ Mercoledì, 13-Set-2017, 14:20)
Con tutto il rispetto per i Mercury Tree, non è certo quella una band che si debba conoscere assolutamente. Un qualsiasi appassionato di musica, non solo di prog, non può non avere ascoltato i Magma ed essere felice di non averlo fatto. D'accordo, possono non piacere: ma bisogna ascoltarli. E questo vale per tutti i gruppi che hanno fatto la storia della musica, a prescindere dal genere e dalle vendite. I Mercury Tree possono anche piacere molto, una volta ascoltati, però, anche se non li si ascolta, non è che la nostra cultura in campo musicale ne abbia risentito. I gruppi fondamentali del prog sono tutti anni '60 o '70 e sono solo quelli lì da ascoltare assolutamente. Perfino i Marillion non sono fondamentali, per quanto possano piacere (ed a me i Marillion con Fish piacevano parecchio). Le radici sono importanti e non si possono non conoscere. Con questo non dico che debbano piacere per forza: ognuno ha i suoi gusti ed il mondo è bello anche per questo.

Io non ascolto musica per accrescere o meno la mia cultura musicale, ma per assecondare o meno un gusto o una attitudine. Finché questa mentalità rimarrà ben salda, ci saranno sempre due fazioni e gente che pensa di poter insegnare agli altri come si ascolta la musica.

Concordo che debba essere il gusto musicale a muovere i nostri ascolti. Proprio per questo se tali ascolti sono indigesti difficilmente si potrà approfondire i Magma o i Can ma anche i Mercury Tree.
Bisognerebbe però ammettere che questi limiti sono propri e non delle bands.
Insomma non è detto che tutto ciò che ci piace e che consideriamo indispensabile lo sia per gli altri, questo senza escludere un'importanza oggettiva di quello che si ascolta.

Messaggio modificato da AntonioC. il Giovedì, 14-Set-2017, 11:03
PMEmail Poster
Top
 
Dario.Epic
Inviato il: Giovedì, 14-Set-2017, 11:22
Quote Post


Hogweed
*

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 22
Utente Nr: 831
Iscritto il: 17-Ott-2016



QUOTE (Cybergoth @ Giovedì, 14-Set-2017, 08:27)
River, ognuno è liberissimo di ascoltare ciò che più gli piace e di fregarsene di tutto il resto (anche se non comprendo come possa uno sapere se gli piaccia o meno una cosa senza averla ascoltata). Io non penso affatto di poter insegnare agli altri come si ascolta la musica: non sono in grado di farlo. Ma ci sono persone che sono in grado e, fortunatamente (almeno secondo me), lo fanno. Converrai con me che la differenza tra un appassionato di musica ed un appassionato di solo quella musica che gli piace è abissale. Non sto affatto dicendo che uno sia meglio dell'altro. Se a me piace un gruppo che suona un determinato genere musicale, mi viene naturale di voler ascoltare chi ha inventato quel genere e quelli che hanno creato le ramificazioni più importanti. Senza contare che, se non ci fosse stato il gruppo xyz, probabilmerte ora non ci sarebbe nemmeno il gruppo zyx che mi piace così tanto. Chi vuole accrescere la propria cultura musicale necessita di conoscere i Magma (anche se non gli piace il prog), ma non necessita di conoscere i Mercury Tree. Chi vuole solo ascoltare musica per assecondare il proprio gusto, può ascoltare i Mercury Tree è tralasciare i Magma. Non c'è nulla di male. Però i gruppi fondamentali sono solo quelli che hanno creato qualcosa di diverso.

Sono d'accordo: non credo che chi ascolta tutto sia meglio di chi ascolta solo determinate cose. Entrano in gioco troppi fattori soggettivi come anche il fatto che semplicemente altri tipi di musica possono benissimo non piacere. Ben vengano le persone di mentalità aperta, ma nessuno dovrebbe etichettare qualcuno come ignorante soltato perché gli piace UN unico genere musicale ;) semmai un pochino di mentalità ristretta, va bene: l'importante è che quella persona non si professi come il progmessiah sceso in terra asd.gif

Ma, trattandosi sempre di una cosa che prende la pancia e non la testa, non me la sento proprio di giudicare, considerato anche che nel caso specifico i Magma sono talmente cervellotici che è difficile possano piacere così al volo (non nascondo che su disco li apprezzo molto, ma a Ver1 mi hanno annoiato da morire whistle.gif ).

Inoltre ribadisco che spesso su facebook ci si confronta con ragazzini esaltati che hanno appena preso in mano uno strumento e devono ancora maturare una coscienza musicale di un certo livello. Partire dal prog metal moderno mi sembra già un buon inizio per poi arrivare a generi più complicati: pensate che io sono finito qui partendo con Stratovarius, Blind Guardian e Iced Earth... C'è speranza per tutti. biggrin.gif
PMEmail Poster
Top
 
river
Inviato il: Giovedì, 14-Set-2017, 12:10
Quote Post


Primo nemico del superbo Arlecchino
***

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 313
Utente Nr: 279
Iscritto il: 18-Set-2008



QUOTE (AntonioC. @ Giovedì, 14-Set-2017, 10:01)
QUOTE (river @ Mercoledì, 13-Set-2017, 18:51)
QUOTE (Cybergoth @ Mercoledì, 13-Set-2017, 14:20)
Con tutto il rispetto per i Mercury Tree, non è certo quella una band che si debba conoscere assolutamente. Un qualsiasi appassionato di musica, non solo di prog, non può non avere ascoltato i Magma ed essere felice di non averlo fatto. D'accordo, possono non piacere: ma bisogna ascoltarli. E questo vale per tutti i gruppi che hanno fatto la storia della musica, a prescindere dal genere e dalle vendite. I Mercury Tree possono anche piacere molto, una volta ascoltati, però, anche se non li si ascolta, non è che la nostra cultura in campo musicale ne abbia risentito. I gruppi fondamentali del prog sono tutti anni '60 o '70 e sono solo quelli lì da ascoltare assolutamente. Perfino i Marillion non sono fondamentali, per quanto possano piacere (ed a me i Marillion con Fish piacevano parecchio). Le radici sono importanti e non si possono non conoscere. Con questo non dico che debbano piacere per forza: ognuno ha i suoi gusti ed il mondo è bello anche per questo.

Io non ascolto musica per accrescere o meno la mia cultura musicale, ma per assecondare o meno un gusto o una attitudine. Finché questa mentalità rimarrà ben salda, ci saranno sempre due fazioni e gente che pensa di poter insegnare agli altri come si ascolta la musica.

Concordo che debba essere il gusto musicale a muovere i nostri ascolti. Proprio per questo se tali ascolti sono indigesti difficilmente si potrà approfondire i Magma o i Can ma anche i Mercury Tree.
Bisognerebbe però ammettere che questi limiti sono propri e non delle bands.
Insomma non è detto che tutto ciò che ci piace e che consideriamo indispensabile lo sia per gli altri, questo senza escludere un'importanza oggettiva di quello che si ascolta.

Sottoscrivo.
PMEmail Poster
Top
 
Cybergoth
Inviato il: Giovedì, 14-Set-2017, 12:37
Quote Post


Lucky Man
**

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 87
Utente Nr: 835
Iscritto il: 16-Nov-2016



Io finisco, come quasi tutti, con l'ascoltare molte volte solo gli album che mi piacciono di più e, spesso, sono album che hanno un'importanza storica prossima allo zero. Ed a volte accade che, pur sforzandomi, io non riesca ad apprezzare gruppi che hanno un'importanza oggettiva. Però la mia natura curiosa (e non vale solo in campo musicale) mi porta a cercare le radici di ogni cosa. Tanto per far capire come sono fatto: un po' di tempo fa mi sono ritrovato ad ascoltare molto reggae ed allora poi sono passato al rocksteady, allo ska (quello vero, non il revival anni '80), al mento ed al calypso. E dall'italo disco sono arrivato ai fratelli Russolo (Antonio e Luigi). Ascolto di tutto un po'. listen.gif
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (2) 1 [2]  Reply to this topicStart new topic

 



[ Script Execution time: 2.3052 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]