Mappa Utenti

Entra in Chat
Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )

Pagine : (175) « Prima ... 173 174 [175]   ( Vai al primo messaggio non letto ) Reply to this topicStart new topic

> Cosa Sto Ascoltando In Questo Momento?, altro giro altra corsa!
 
Mauro
Inviato il: Martedì, 18-Set-2018, 18:58
Quote Post


Guardian of the Flame
******

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 3273
Utente Nr: 470
Iscritto il: 27-Mag-2010



Ringrazio di cuore Progmaster per il vivo apprezzamento espresso nei miei confronti!
Credo derivi dal fatto che ha pienamente compreso il senso del mio precedente post. gia.gif Occhiolino.gif
_________________________________________________________

Detto questo, devo una risposta al caro Alverman... che temo invece mi abbia almeno in parte frainteso.

QUOTE (Alverman)
Se a voi sta bene così, che oggigiorno è tutto prog, beati voi.

Ho forse detto che “mi sta bene”? blink.gif

Ascolta: sono convinto che, entro pochi anni, la fine del prog (o quantomeno del prog così come lo conosciamo) deriverà dalla sinergia fra tre fattori:
1 – In primis, proprio la banalizzazione/generalizzazione del concetto di prog (vedi sopra).
2 – Poi, l’assurdo/debordante/ingestibile numero di nuove uscite.
3 – Infine, la strisciante/crescente identificazione in atto fra il termine prog e il termine crossover.

Ho parlato di fine del prog: come potrebbe mai “starmi bene”??? blink.gif

Nondimeno, qui si tratta della contrapposizione fra il parere del sottoscritto (e di pochi altri, toh) e un trend generale: solido e implacabile. Secondo te chi la spunterà, eh? asd.gif Alver, l’ho scritto in un altro vecchio thread: si chiama Tempo. Scorre e cambia il mondo, ben raramente nel senso che noi avremmo auspicato. Non ci posso (possiamo) far nulla: me ne son fatta una ragione, punto. Questa mia potrà sembrarti ignavia, ma io preferisco definirlo un atteggiamento pragmatico e realista. Ho sessant’anni: con quello che mi tracanno e che mi fumo (senza considerare le ore dormite, sempre troppo poche – colpa mia che mi comporto ancora come il ragazzino che non sono più), non so quanto altro tempo ho ancora davanti. Sii certo che intendo spenderlo in modo molto più divertente che non definendo con precisione i confini del Vero Prog e –una volta riuscito nell’impresa- convincendo altri a rispettare il Sacro Recinto. Ciascuno ascolta ciò che accidenti vuole e che lo fa star bene, lungi da me dare del "niubbo ignorante" a chicchessia. So cosa piace a me e tanto mi basta, non spenderò mai una caloria per convincere qualcuno dei miei punti di vista.

QUOTE (Alverman)
Secondo me perdono quelli che invece hanno i paraorecchie.

Fortunatamente non è il mio caso: non hai idea di quanto eclettici sono i miei ascolti. Assolutamente a 360° - e molti di essi derivano proprio dalle dritte (prog e non) che vari forumer disseminano in questo e altri thread. Purtroppo, se è vero (come è vero) che il sunnominato Tempo è un tiranno, beh… a maggior ragione lo è nei confronti dei singles come me, per i quali ogni minuto è oro. Non riesco ad ascoltare che la punta dell’iceberg delle vostre proposte. cry.gif Immagino quanti bei dischi mi sfuggono… ma chissà: forse mi risparmio anche qualche ciofeca.

very_lol.gif

QUOTE (Alverman)
Invece sarei curioso di sapere quanti apprezzeranno certe sonorità non propriamente prog.

Saresti sorpreso dallo scoprire quanti e quali stili diversi ascolto, Alver. Se non li posto (e continuerò a non postarli) in questo thread è perché intendo attenermi all’idea fondante del forum: ne ho il diritto, credo. Questo è un forum prog, quindi qui posterò solo di prog (e aree limitrofe).

QUOTE (Alverman)
Sicuramente vale sempre il detto piace o non piace, ma almeno ascoltare o documentarsi non farebbe male.

SACROSANTO.

appl.gif

Ti dico un’ultima cosa.
Io, nell’ascoltare Musica, la riconduco a due, due sole Supercategorie.

1 - La Musica Che Amo
E’ quella che mi fa passare ogni anno tre giorni a Veruno, che mi fa spendere tante serate a La Casa di Alex e in altri posti bislacchi che manco v’immaginate, che mi fa mettere la mano al portafoglio per acquistare dischi o per organizzare un live, che mi fa mantenere amichevoli e costanti contatti con vari musicisti, che in ultima analisi mi porta a comunicare con tutti voi in questo forum. La Musica Che Amo ha un nome, uno solo: PROG.

2 - La Musica Che Mi Diverte
E’ quella che non mi spinge a fare alcuna delle cosucce di cui sopra, ma che in determinati momenti ritengo molto più adatta del Prog. So starmene serioso e impalato in prima fila a La Casa ascoltando questi e quelli, senza perdermi né una nota né un gesto… ma vivo tante, ma tante altre situazioni del tutto diverse. Uuuuh, quanto diverse. biggrin.gif Ecco: è lì che io ringrazio La Musica Che Mi Diverte di esistere, perché credimi… in determinati contesti, In The Court Of The Crimson King avrebbe l’effetto di un gatto attaccato ai c*glioni. Non sai quant’è ampio il range de La Musica Che Mi Diverte! Ma qui mi fermo: ho un lato borderline che nessuno di voi conosce ed è molto meglio così… tongue.gif
_____________________________________________________

Giusto per tornare in topic: mentre scrivevo ho ascoltato varie volte, in loop, questa…

The Eye of Wendor – Overture
dei Mandalaband (Gran Bretagna, 1978)
listen.gif https://www.youtube.com/watch?v=VH_Qd2zOTpc listen.gif

Ecco, il bello de La Musica Che Amo è che… beh, sì… mi porta a girarmi nella testa dei film immaginari. Solo Lei può riuscire a tanto, solo Lei. smlove2.gif
In tal senso, fra i miei film immaginari The Eye of Wendor è un autentico blockbuster, in questo caso un fantasy. L’Overture sottolinea la scena iniziale.

Keep the Flame burning!
PMEmail Poster
Top
 
Vienna
Inviato il: Martedì, 18-Set-2018, 19:18
Quote Post


Purple Piper
****

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 559
Utente Nr: 334
Iscritto il: 22-Feb-2009



Syndone - mysoginia

( primo ascolto....) listen.gif
PMEmail Poster
Top
 
Ayrton 2112
Inviato il: Martedì, 18-Set-2018, 21:25
Quote Post


Purple Piper
****

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 514
Utente Nr: 820
Iscritto il: 22-Gen-2016



Quoto tutto ciò che scrive Mauro, sul serio. L'unica differenza è che, personalmente, la "musica che amo" sono in realtà tre: al progressive non posso non accompagnare anche il metal e il rock (diciamo "classico", le derive degli ultimi decenni mi lasciano totalmente indifferente...)

Per certi aspetti la cosa ha dell'inquietante. Ci sta che, pur avendo la metà dei vostri anni, la pensi come molti di voi, ma voi avete avuto modo di godervi questo genere, se non negli anni d'oro, per molto più tempo; avete potuto ammirare dal vivo band e artisti che non esistono più, avete vissuto l'emozione di vedere "in diretta" l'uscita di dischi che per noi trentenni sono ormai classici lontani. Magari vedete il futuro fosco, ma dall'alto di una piramide di ricordi meravigliosi
Il mio futuro da appassionato di progressive sarà una specie di limbo fuori dal tempo e dallo spazio, in cui le mie band preferite si ritireranno una dopo l'altra e la musica che rappresentano sarà sempre più fuori moda, mentre nel mondo reale la parola "prog" sarà sempre accompagnata dal suffisso "metal" e tenderà a rimuovere tutto ciò che è venuto prima dei Dream Theater.
Poteva andare peggio... in fondo molto meglio Leprous e Gojira delle lagne indie, dell'hip hop e dei mestieranti buttati fuori a ritmo di fabbrica dai talent.
La Fiamma proveremo a tenerla accesa ugualmente.

Messaggio modificato da Ayrton 2112 il Martedì, 18-Set-2018, 21:26


--------------------
"Di tutte le aberrazioni sessuali, forse la più aberrante è la castità." (R. De Gourmont)
PMEmail Poster
Top
 
Cybergoth
Inviato il: Mercoledì, 19-Set-2018, 09:00
Quote Post


Lucky Man
**

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 159
Utente Nr: 835
Iscritto il: 16-Nov-2016



La Famiglia degli Ortega - La Famiglia degli Ortega

Pere Ubu - Story of My Life (uno dei gruppi più importanti della storia della musica e definita band migliore al mondo da Mick Jagger: finalmente sono riuscito a vederli qualche giorno fa)

Wire - Chairs Missing (quanto mi piace "Outdoor Miner"!)

Io amo la musica tutta (anche quella scritta per infastidire e non per divertire), indipendentemente dal genere. Il prog l'ascolto spesso, ma sempre i soliti album storici (la roba nuova difficilmente l'ascolto più d'un paio di volte).
Se mi piace una canzone, un album o un artista, non dipende certo dal genere musicale. E ci sono anche molti gruppi definiti prog (più che altro contemporanei) che m'annoiano, ma ce ne sono molti anche in altri generi musicali.
Se una cosa non mi piace, mi limito a dire che non mi piace (o che non la capisco, come diceva la mia ex con la mia musica), evitando di dire che fa schifo o che è una m..da: tutti gli artisti meritano rispetto.
PMEmail Poster
Top
 
river
Inviato il: Mercoledì, 19-Set-2018, 11:21
Quote Post


Primo nemico del superbo Arlecchino
***

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 419
Utente Nr: 279
Iscritto il: 18-Set-2008



Our Oceans - Our Oceans
PMEmail Poster
Top
 
Alverman
Inviato il: Venerdì, 21-Set-2018, 17:08
Quote Post


Hogweed
*

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 44
Utente Nr: 807
Iscritto il: 30-Giu-2015



QUOTE (Mauro @ Martedì, 18-Set-2018, 17:58)
Ringrazio di cuore Progmaster per il vivo apprezzamento espresso nei miei confronti!
Credo derivi dal fatto che ha pienamente compreso il senso del mio precedente post. gia.gif Occhiolino.gif
_________________________________________________________

Detto questo, devo una risposta al caro Alverman... che temo invece mi abbia almeno in parte frainteso.

QUOTE (Alverman)
Se a voi sta bene così, che oggigiorno è tutto prog, beati voi.

Ho forse detto che “mi sta bene”? blink.gif

Ascolta: sono convinto che, entro pochi anni, la fine del prog (o quantomeno del prog così come lo conosciamo) deriverà dalla sinergia fra tre fattori:
1 – In primis, proprio la banalizzazione/generalizzazione del concetto di prog (vedi sopra).
2 – Poi, l’assurdo/debordante/ingestibile numero di nuove uscite.
3 – Infine, la strisciante/crescente identificazione in atto fra il termine prog e il termine crossover.

Ho parlato di fine del prog: come potrebbe mai “starmi bene”??? blink.gif

Nondimeno, qui si tratta della contrapposizione fra il parere del sottoscritto (e di pochi altri, toh) e un trend generale: solido e implacabile. Secondo te chi la spunterà, eh? asd.gif Alver, l’ho scritto in un altro vecchio thread: si chiama Tempo. Scorre e cambia il mondo, ben raramente nel senso che noi avremmo auspicato. Non ci posso (possiamo) far nulla: me ne son fatta una ragione, punto. Questa mia potrà sembrarti ignavia, ma io preferisco definirlo un atteggiamento pragmatico e realista. Ho sessant’anni: con quello che mi tracanno e che mi fumo (senza considerare le ore dormite, sempre troppo poche – colpa mia che mi comporto ancora come il ragazzino che non sono più), non so quanto altro tempo ho ancora davanti. Sii certo che intendo spenderlo in modo molto più divertente che non definendo con precisione i confini del Vero Prog e –una volta riuscito nell’impresa- convincendo altri a rispettare il Sacro Recinto. Ciascuno ascolta ciò che accidenti vuole e che lo fa star bene, lungi da me dare del "niubbo ignorante" a chicchessia. So cosa piace a me e tanto mi basta, non spenderò mai una caloria per convincere qualcuno dei miei punti di vista.

QUOTE (Alverman)
Secondo me perdono quelli che invece hanno i paraorecchie.

Fortunatamente non è il mio caso: non hai idea di quanto eclettici sono i miei ascolti. Assolutamente a 360° - e molti di essi derivano proprio dalle dritte (prog e non) che vari forumer disseminano in questo e altri thread. Purtroppo, se è vero (come è vero) che il sunnominato Tempo è un tiranno, beh… a maggior ragione lo è nei confronti dei singles come me, per i quali ogni minuto è oro. Non riesco ad ascoltare che la punta dell’iceberg delle vostre proposte. cry.gif Immagino quanti bei dischi mi sfuggono… ma chissà: forse mi risparmio anche qualche ciofeca.

very_lol.gif

QUOTE (Alverman)
Invece sarei curioso di sapere quanti apprezzeranno certe sonorità non propriamente prog.

Saresti sorpreso dallo scoprire quanti e quali stili diversi ascolto, Alver. Se non li posto (e continuerò a non postarli) in questo thread è perché intendo attenermi all’idea fondante del forum: ne ho il diritto, credo. Questo è un forum prog, quindi qui posterò solo di prog (e aree limitrofe).

QUOTE (Alverman)
Sicuramente vale sempre il detto piace o non piace, ma almeno ascoltare o documentarsi non farebbe male.

SACROSANTO.

appl.gif

Ti dico un’ultima cosa.
Io, nell’ascoltare Musica, la riconduco a due, due sole Supercategorie.

1 - La Musica Che Amo
E’ quella che mi fa passare ogni anno tre giorni a Veruno, che mi fa spendere tante serate a La Casa di Alex e in altri posti bislacchi che manco v’immaginate, che mi fa mettere la mano al portafoglio per acquistare dischi o per organizzare un live, che mi fa mantenere amichevoli e costanti contatti con vari musicisti, che in ultima analisi mi porta a comunicare con tutti voi in questo forum. La Musica Che Amo ha un nome, uno solo: PROG.

2 - La Musica Che Mi Diverte
E’ quella che non mi spinge a fare alcuna delle cosucce di cui sopra, ma che in determinati momenti ritengo molto più adatta del Prog. So starmene serioso e impalato in prima fila a La Casa ascoltando questi e quelli, senza perdermi né una nota né un gesto… ma vivo tante, ma tante altre situazioni del tutto diverse. Uuuuh, quanto diverse. biggrin.gif Ecco: è lì che io ringrazio La Musica Che Mi Diverte di esistere, perché credimi… in determinati contesti, In The Court Of The Crimson King avrebbe l’effetto di un gatto attaccato ai c*glioni. Non sai quant’è ampio il range de La Musica Che Mi Diverte! Ma qui mi fermo: ho un lato borderline che nessuno di voi conosce ed è molto meglio così… tongue.gif
_____________________________________________________

Giusto per tornare in topic: mentre scrivevo ho ascoltato varie volte, in loop, questa…

The Eye of Wendor – Overture
dei Mandalaband (Gran Bretagna, 1978)
listen.gif https://www.youtube.com/watch?v=VH_Qd2zOTpc listen.gif

Ecco, il bello de La Musica Che Amo è che… beh, sì… mi porta a girarmi nella testa dei film immaginari. Solo Lei può riuscire a tanto, solo Lei. smlove2.gif
In tal senso, fra i miei film immaginari The Eye of Wendor è un autentico blockbuster, in questo caso un fantasy. L’Overture sottolinea la scena iniziale.

Keep the Flame burning!

“This is the end, beautiful friend
This is the end, my only friend, the end …..”
(The Doors – The end 1967)

Ultimo post che pubblico

Caro Mauro, inizio dal tuo post dove trovo alcune contraddizioni .

Tutto è prog.
Prima dici che è tutto prog e poi scrivi che il concetto prog è stato generalizzato-banalizzato. E per forza, se si continua a pensare e a scrivere cose come Arti & Mestieri gruppo prog, Tangerine Dream fanno prog, Bitches Brew di Miles Davis è un disco prog è logico che si banalizza tutto.
Per capire che genere di musica si sta ascoltando non è che bisogna consumare calorie o buttare via il tempo per convincere qualcuno (mai detto, mai fatto e mai lo farò) basta avere un po’ di cultura musicale e cercare di capire, codificare se si tratta di musica jazz-rock, musica elettronica e via dicendo.
Perché tutto ciò ?
Prova a pensare ad un ragazzo che chiede e legge le risposte su Arlequin : che genere fanno gli Arti & Mestieri ? Fanno prog. Che genere fa il Banco Mutuo Soccorso ? Prog. Amon Duul cosa fanno ? Fanno prog. Capisci che questo ragazzo non avrà mai una cultura musicale, si ritroverà con un sacco di CD o hard-disk pieni di musica senza sapere la differenza tra un gruppo e l’altro. Potrà dire tranquillamente che Piero Pelù è il Lemmy italiano e che Vasco Rossi fa musica metal, Giovanni Allevi un grande compositore contemporaneo di musica classica e Il Volo (il trio) tre grandi voci, orgoglio italiano.
Poi che piaccia o no e ognuno ascolta la musica che piace questo è un punto su cui siamo tutti d’accordo ma un po’ di distinzione non farebbe male suvvia.
Lo so bene che l’importante è ascoltare la musica che più piace senza distinzione di genere ma quando si parla o si scrive di musica bisogna distinguerla, proprio per non banalizzare il tutto.

Uscite debordanti.
Non è che bisogna per forza comprare tutto e poi diciamolo, chissà quanti capolavori da comprare assolutamente sono stati pubblicati negli ultimi anni. Qualcuno ha scritto che ha poco tempo da dedicare all’ascolto ma poi ad esempio va ad ascoltare l’ennesimo disco dei Syndone che vorrei sapere che cosa hanno ancora di nuovo da dire. Se il problema è il poco tempo disponibile perché non andare a scoprire vecchi gruppi sconosciuti ma storici di cui non si possiede niente, andando così forse sul sicuro a non sprecare tempo.
Un altro esempio. A Veruno, il concerto di Gianni Nocenzi è stato molto apprezzato da tutti e anche da me. Un “arlecchino” mi ha detto che ha comprato il suo CD, benissimo. Ma possibile che non gli sia mai venuto in mente prima (e mai lo farà in futuro secondo me) di approfondire il discorso e di comprare un CD di Chopin, di Schonberg o di Stravinsky? Si ascoltano gli Area o Arti & Mestieri e si ignorano Sun Ra, i preludi di John Cage e i Weather Report, gruppi che con il prog non hanno proprio nulla a che fare ma che sono stati le basi del loro sound !!! Perché non approfondire ?

Forum di sola musica prog.
Se esistono generi diversi dal prog ma con una logica interessante per essere postati e per di più trattandosi la maggior parte delle volte di gruppi molto oscuri e poco conosciuti, perché non farli conoscere. Se vi dico che per me i Throbbing Gristle sono il giusto anello di congiunzione mancante con la musica minimale, sperimentale ed elettronica anni 70 cosa ne pensate ?

Questo è il punto su cui tengo a precisare da sempre e a quanto pare non sono mai riuscito a spiegare bene o forse, e penso che sia proprio così purtroppo, non interessa a nessuno avere un minimo di cultura musicale. Basta avere ed ascoltare, ed ecco che tutto ciò porta all’appiattimento musicale.
L’appiattimento musicale che in questo forum trovo molto dilagante ed è per questo motivo che ho deciso di non scrivere più niente su Arlequin e non solo, mi dileguo dal sito fin da ora.
Di alcuni vedo già i loro commenti che pubblicheranno dove diranno di essere contenti di non leggere più i miei deliri e scriveranno “ecco quello che sa tutto lui”. Non ha importanza, tanto ormai non scriverò ne leggerò più nessun commento da qui in poi e comunque chi mi conosce personalmente sa bene che la figura del professore che la sa lunga non è di mia competenza, ruolo che lascio ad altri, a quelli ad esempio che dicono di leggere le enciclopedie, i libri musicali (chissà quali) e chiunque tratti l'argomento e includa tutti questi nomi all'interno del Prog e quindi presuppone che il mio concetto di prog sia un po' limitato.

P.S.=qualcuno ha scritto rispondendomi Zeuhl = corrente prog.
Siamo arrivati alle correnti ora. Allora tutto il rock è una corrente del blues, quindi tutto è blues.

Un saluto a tutti e quando vedrò a qualche concerto qualcuno con addosso la spilletta di Arlequin sarò io il primo a salutarli e a fare la loro conoscenza. Ora vado gli ANGE mi aspettano :

“ ……. Entrez, entrez beau monde
choisissez votre tombe
dans le cimetière des arlequins.
Entrez, entrez braves gens
recherchez le tourment
dans le cimetière des arlequins”

Ascoltando : GENESIS – I know what I like (1973)

PMEmail Poster
Top
 
Mauro
Inviato il: Venerdì, 21-Set-2018, 17:33
Quote Post


Guardian of the Flame
******

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 3273
Utente Nr: 470
Iscritto il: 27-Mag-2010



QUOTE (Mauro)
QUOTE (Alverman)
Proporrò tutto ciò che non sia musica progressive.

Perdi in partenza! biggrin.gif
Oggigiorno, tutto è prog.

Caro Alverman: quel che mi stupisce è che una persona del tuo acume (ci conosciamo personalmente, quindi so quel che dico) non abbia colto che nel post di cui sopra, che quoto integralmente, la mia era amara ironia. L'ho mascherata da battuta """"""contro"""""" di te, ma fidati se ti dico che in realtà stavo concordando in pieno con te. Sono l'ultimo a pensare che "tutto sia prog" e il primo a ritenere che tale abito mentale sia deleterio. Evidentemente, non sono riuscito a far trasparire detta ironia. Non so dove ho sbagliato, forse ho sbagliato il tono o messo un emoticon di troppo: del resto, si sa, il sense of humour non è il forte di noi svizzero-tedeschi (ancorché mancati). asd.gif

Mi spiace di vederti abbandonare il forum, ma sia come vuoi.

gangialf.gif

Ci si vede a La Casa o altrove! Bye.

KTFB
PMEmail Poster
Top
 
AntonioC.
Inviato il: Venerdì, 21-Set-2018, 18:14
Quote Post


Prog-Nauta
***

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 410
Utente Nr: 792
Iscritto il: 06-Dic-2014



Concordo con quanto sopra, quando si dice che il progressive rischia di perdere (se non l'ha già persa) la sua identità finendo nel confluire nel crossover.
Personalmente importa poco. Che lo chiamino crossover prog o vattelapesca credo di riuscire ancora a discernere la musica che mi piace e quella che non mi piace.
Alla fine sono solo catalogazioni che non cambiano minimamente il contenuto.
Il grande calderone ha i suoi limiti, ma oggi con la massa enorme di musica accessibile a tutti, è inevitabile.
Ce ne faremo una ragione e ci attrezzeremo a riguardo.
Male che vada ci saranno 30 milioni di dischi bellissimi che mai ascolteremo e 10 milioni di dischi emocore spacciati per la new sensation che ci dovremo sorbire.
C'è chi sta messo peggio asd.gif
PMEmail Poster
Top
 
Vienna
Inviato il: Venerdì, 21-Set-2018, 20:38
Quote Post


Purple Piper
****

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 559
Utente Nr: 334
Iscritto il: 22-Feb-2009



Mi dispiace che tu abbia lasciato questo Forum dove i tuoi interventi erano interessanti e accendevano discussioni non sterili.
Per quello che mi riguarda ti spiegherò a voce che cosa intendevo per non avere tempo, probabilmente mi sono spiegato male.
Io sono sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo e non solo nel (Prog)rock.
I Syndone per dire che non hanno più niente da dire prima dovevo sentirli comunque oltre al già sentito qualcosina di interessante il dischetto lo contiene:
Buoni testi, orchestra condotta dal maestro F.Zago e un coro +
le ospitate di Gigi Venegoni, Vittorio De Scalzi e Viola Nocenzi.
Non sarà ne un capolavoro o prog, ma si lascia ascoltare e forse anche da chi dal Prog si tiene alla larga.
Comunque ora ascolto:

Roz Vitalis - The Hiddin Man of the Heart god.gif

A presto Alverman
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (175) « Prima ... 173 174 [175]  Reply to this topicStart new topic

 



[ Script Execution time: 4.5332 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]