Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )

Pagine : (2) [1] 2   ( Vai al primo messaggio non letto ) Reply to this topicStart new topic

> Pink Floyd ( o Roger Waters ? ) : The final cut, Figli di un dio minore?
 
vale
Inviato il: Domenica, 24-Nov-2019, 09:08
Quote Post


Little Red Robin Hood
Group Icon

Gruppo: Contributors
Messaggi: 2009
Utente Nr: 39
Iscritto il: 31-Mag-2007



Una premessa : sappiamo tutti che i Pink...ah no.. i Floyd....e i King Crimson ( magari ci piazzeremo un disco " figlio di un Dio minore...)non sono prog....sono "altro"...e soprattutto sono " oltre" una classificazione di "genere".....Per comodita' (mia...e di altri) li considerero' tali da aprire un oggetto di discussione su The final cut.

"The final cut" ecco....un disco dei P.F. o il primo disco solista di Waters ?

E'un po' di tempo che non lo ascolto...ci aggiorniamo...
Magari qualcuno lo ha fatto di recente o lo fara'a breve e vuole dire due parole o piu'...
PMEmail Poster
Top
 
FabioProg
Inviato il: Domenica, 24-Nov-2019, 12:53
Quote Post


Lucky Man
**

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 62
Utente Nr: 709
Iscritto il: 09-Set-2013



Do io il LA........ che sia un disco di Waters, ci tolgono il dubbio direttamente i protagonisti.......sul retro della copertina è chiaramente scritto....THE FINAL CUT a requiem for the post war dream by Roger Waters , performed by Pink Floyd (che erano rimasti solo tre, vista la "cacciata" di Wright)
PMEmail Poster
Top
Adv
Adv














Top
 
vale
Inviato il: Domenica, 24-Nov-2019, 13:10
Quote Post


Little Red Robin Hood
Group Icon

Gruppo: Contributors
Messaggi: 2009
Utente Nr: 39
Iscritto il: 31-Mag-2007



...pero' finisce nella discografia dei P.F. e non nel Waters solista :-)
Cmq ho capito il concetto....e del disco che mi dici ?
PMEmail Poster
Top
 
FabioProg
Inviato il: Domenica, 24-Nov-2019, 13:26
Quote Post


Lucky Man
**

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 62
Utente Nr: 709
Iscritto il: 09-Set-2013



Premetto che è un disco che conosco molto bene, e non è molto che l’ho ascoltato per l’ennesima volta. Correva l’anno 1983, anno della mia maturità. Ricordo che l’insegnante di lettere era solita darci come compito il commentare un articolo di giornale.
Voi direte, che c’entra ?. Ecco, appunto, scelsi l’articolo che “la Stampa” dedicava al neonato disco dei Pink Floyd.
L’articolo era di forte critica, ma il mio tema, era stato una difesa a spada tratta dei PF, ponendo un forte accento sul fatto che fosse il primo disco olofonico.
Non ci pensavo più da decenni alla olofonia ( il brevetto è in mano ad un ex bassista dei Nomadi) , mi aveva sempre intrippato , adesso scopro che sono soltanto quattro i dischi olofonici, il primo The Final Cut , il primo album da solista di Roger Water (The Pros and Cons of Hitch Hiking ), una band sperimentale dal nome Psychic TV, e l’ultimo fu nientepopodimeno che Gianni TOGNI (!!!). Rob de Matt, dai Pink Floyd a Gianni Togni !!
Quindi, mi raccomando per chi non lo avesse mai fatto, The Final Cut è da ascoltare rigorosamente con le cuffie per apprezzare gli effetti olofonici.
Torniamo alla parte musicale. Per me è un album bellissimo, non inferiore ai precedenti, con assoli di Gilmour degni di “Comfortably Numb”e con Waters in versione pacifista incazzato che ci regala un brano più bello dell’altro.
Lo so, l’album è controverso. Per qualcuno è il peggiore dei PF, per qualcuno quasi il migliore.
Per me, merita un 9,50

PMEmail Poster
Top
 
bungle77
Inviato il: Domenica, 24-Nov-2019, 14:33
Quote Post


Chocolate King
Group Icon

Gruppo: Contributors
Messaggi: 3178
Utente Nr: 381
Iscritto il: 06-Set-2009



E' ovviamente Roger Waters al culimine delle sue paranoie, ma è un disco intenso, scarno negli arrangiamenti, difficile anche catalogarlo come progressive rock. Roger si mette a nudo e almeno a me emoziona. Canzoni come The Final Cut, The Gunners Dream, The Fletcher Memorial sono tra le più belle che abbia mai scritto.
Unica canzone non all'altezza è Not Now John
Voto 9+


--------------------
And the sea isn't green
And I love the queen
And what exactly is a dream
And what exactly is a joke...


Ciò che è troppo diverso da quello che siamo soliti pensare, ciò che ci è impossibile pensare, quello lo chiamiamo nulla. (Cornelius Noon)
PMEmail Poster
Top
 
VeteraEtNova
Inviato il: Domenica, 24-Nov-2019, 14:39
Quote Post


Chameleon
*******

Gruppo: Guidelines
Messaggi: 5635
Utente Nr: 358
Iscritto il: 29-Mag-2009



7


--------------------
PMEmail Poster
Top
 
vale
Inviato il: Domenica, 24-Nov-2019, 17:54
Quote Post


Little Red Robin Hood
Group Icon

Gruppo: Contributors
Messaggi: 2009
Utente Nr: 39
Iscritto il: 31-Mag-2007



The final cut

Ho "amato" i P.F. sin dall'uscita di The wall e fino al AMLOR Tour in Italia...luglio 87 o 88 non ricordo...Il giorno dopo (PROPRIO il giorno dopo...) il concerto di Torino ascoltai una musicassetta di mio fratello che avevamo in casa dal '73 e mi allontanai sempre di piu' dai dischi del gruppo.Oggi dell'intera discografia riesco ad ascoltare con piacere non piu' di 5 o 6 brani....Ovviamente quando usci The final cut lo apprezzai subito ma meno dei "classici" degli anni precedenti....e, saltuariamente , ma l' ho sempre riascoltato...In questi giorni, riprendendo ad ascoltarlo per il "post" proposto su Arlequins mi ha suscitato sentimenti contrastanti : da una parte" il piacere" di sonorita' a cui non sono piu' avvezzo, di una voce che non sentivo da tempo, di una chitarra che non ascoltavo da molto, di un " dramma" musicale ancora profondo e attuale; dall' altra la " noia" di sonorita' che non mi piacciono piu', di una voce che non apprezzo piu', di una chitarra che non sopporto piu"....E' stata una " sofferenza" che, paradossalmente, desideravo...The final cut e' un bell' album (7,5 almeno), meglio di The wall ( ascoltato troppo ? Forse...sta di fatto che non lo sopporto piu'...).,..meglio di altri album dei P.F. ultra osannati ( giustamente...credo)...e che faticherei ancora di piu' ascoltare....Sono cambiato io...e se " torno" sui Floyd e' solo per nostalgia...l' amore non c'e' piu'.....Se devo "prendere" un brano prendo The Fletcher Memorial home..... La peggiore ? Non saprei...stanno bene assieme tutte...
PMEmail Poster
Top
 
Michele
Inviato il: Domenica, 24-Nov-2019, 22:22
Quote Post


Little Red Robin Hood
Group Icon

Gruppo: Contributors
Messaggi: 1622
Utente Nr: 448
Iscritto il: 09-Apr-2010



A suo tempo non mi era piaciuto per niente, pareva che non andasse da nessuna parte, se non nella necessità di declamazione del reale titolare. Ci ero comunque affezionato perché me lo registrò su cassetta la ragazza con cui stavo all'epoca...

Non l'ho mai più riascoltato per diverso tempo. Risentendolo, va un po' meglio rispetto al passato, soprattutto con "The Gunner's Dream" e "Paranoid Eyers". Sinceramente, questi grandi assoli tipo "Comfortably Numb" proprio non li sento. Ci sono qua e là accenni, che possiedono l'intensità di Gilmour - tipo "Your Possible Past", ma sono per l'appunto brevi e sporadiche iniziative (peraltro stabilite presumibilmente da Waters).

6,5

Messaggio modificato da Michele il Domenica, 24-Nov-2019, 22:24


--------------------
I sentimenti creano dipendenza, meglio l'alcol.
PMEmail Poster
Top
 
jdessi
Inviato il: Lunedì, 25-Nov-2019, 10:51
Quote Post


Purple Piper
****

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 879
Utente Nr: 768
Iscritto il: 15-Apr-2014



Parto da lontano:
Devo confessare che rimasi parecchio deluso da The Wall: quel cambio di sonorità, ritmi che strizzavano l'occhio alla disco, completa assenza di atmosfere psichedeliche. Insomma, non mi era piaciuto affatto.
Soltanto col tempo, addentrandomi nella trama, sono arrivato a considerarlo il miglior concept mai scritto.
Il successivo The Final Cut, non mi ha sconvolto. Anzi, trovo che sia la giusta continuazione di the Wall. Una sorta di The Wall II.
The Final Cut è il primo album di Roger Waters? No! Il primo di Roger Waters è The Wall.
Forse TFC è un Waters più intimo e meditativo, forse in The Wall l'apporto degli altri Pink Floyd è più incisivo, ma sono entrambi album del bassista...
E per apprezzare TFC, al pari di The Wall, occorre appassionarsi al messaggio, alla storia che questi due concept, uno più musicale e l'altro maggiormente da songwriter, vogliono comunicarci.
A me TFC non dispiace: è senz'altro peggio degli album precedenti, ma anche meglio di quelli successivi in cui Waters lascia il volante a Gilmour.
L'ho detto altre volte: forse i Pink Floyd hanno cessato di esistere con The Wall: album in cui il meraviglioso equilibrio tra i componenti della band viene spezzato a favore del bassista.
Purtroppo l'equlilbrio, quella magica alchimia non verrà più raggiunta: vuoi perché Waters abbandonerà la band, vuoi perché Gilmour diventerà il despota successore e proporrà la propria musica fatta di ossessione per i suoni tecnologicamente curati, che apriranno una nuova era per i PF, ma renderanno le loro sonorità ormai obsolete (accidenti, ma c'era proprio bisogno di mettere tutto quel chorus!).
Voglio far presente che Gilmour è senza dubbio uno dei miei chitarristi preferiti e senz'altro anche una delle mie maggiori influenze: ho amato il suo primo album solista (che rimane ancora godibile), ma gli album da Momentary Lapse of Reason in poi... beh lasciamo perdere e torniamo a TFC.
Concludo dicendo che L'album è da 6-
I brani che gli fanno raggiungere la sufficienza sono: The Post War Dream - When the tigers broke free - The Gunner's Dream - The Fletcher Memorial Home - Not now John


--------------------
'I riff di Petrucci stanno alla Musica come gli scioglilingua stanno alla Poesia'
PMEmail Poster
Top
 
Vienna
Inviato il: Lunedì, 25-Nov-2019, 12:30
Quote Post


Purple Piper
****

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 960
Utente Nr: 334
Iscritto il: 22-Feb-2009



PINK FLOYD - The Final Cut
Mammia che fatica arrivare alla fine...
Per me che sono cresciuto con un fan in famiglia, mio fratello più grande, l'ascolto dei grandi classici come Meddle, Atom e The Dark furono una bellissima esperienza fino alla scoperta dei Genesis, naturalmente ;-)
I PF li seguii fino a The Wall, che non mi convinse completamente, mentre TFC mi deluse e, ora con questo riascolto, a buon ragione. Questo album si può senza dubbi considerare il primo lavoro solista di Waters, sia per la tematica
che per la presenza da ospiti di Gilmour e Mason. Inutile analizzare i brani singolarmente anche perché si assomigliano tutti dando al lavoro una piattezza per me sasperante.
L'unico brano che si eleva un po' dagli altri è "Your Possible Past" guarda caso anche l'unico dove Gilmour si fa sentire con un assolo gradevole. Da quando ci industriamo ad riascoltare i lavori (cosidetti) minori di bands storiche questo album è sicuramente quello dove ho più sofferto per arrivare alla fine.
Forse sarà un mio limite...boh. 5.
PMEmail Poster
Top
 
Ayrton 2112
Inviato il: Lunedì, 25-Nov-2019, 16:16
Quote Post


Purple Piper
****

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 1007
Utente Nr: 820
Iscritto il: 22-Gen-2016



PINK FLOYD - THE FINAL CUT

I detrattori direbbero: visto che Waters non ci aveva fatto pesare a sufficienza la morte di suo padre, ecco un intero album dedicato alla sua memoria e al solito tema della guerra ingiusta e assurda. Personalmente considero "The Wall" uno dei dischi della mia vita, il mio album preferito dei Floyd e il miglior concept album di tutti i tempi: questo "The Final Cut" ne è diretto successore ed erede, in termini di direzione artistica (saldamente in mano a Waters) sia in termini di atmosfere. Ci sono però molte differenze in negativo. In primis, l'assenza di Richard Wright toglie all'album una delle menti compositive più brillanti, e i due sostituti Andy Bown e Michael Kamen, messi insieme non riescono a colmare il vuoto: tastiere e pianoforte sono relegati ad accompagnamento della voce, senza gli spunti e gli arrangiamenti che hanno fatto la fortuna degli album precedenti. Anche Gilmour sembra svogliato, e pur ritagliandosi singoli momenti di gloria (come in The Fletcher Memorial Home"), fa fondamentalmente da contorno a Waters.
Ironicamente il brano a mio parere più riuscito, When The Tigers Broke Free, non è presente nella versione originale. Ci sono singoli brani notevoli ed emozionanti, come la citata Fletcher Memorial Home, The Post-War Dream e Gunner's Dream (impreziosita da un pregevole assolo di sax), all'interno però di una struttura canonica e fissa, più vicina a un album cantautorale che rock, e che alla lunga mi lascia un senso di monotonia. Proprio per questo un brano come Not Now John, con il suo ritmo deciso, la chitarra in primo piano e la voce rabbiosa di Waters, spicca in positivo, perchè sa rompere questa monotonia.
Credo che l'importanza di quest'album sia maggiore per il Waters essere umano che per il Waters artista: prendendo in prestito un concetto di Jacques Lacan, potremmo definirlo il suo "sinthomo": una creazione soggettiva che fa da supplenza, da sostituto, a qualcosa che non è riuscito a iscriversi nella vita simbolica del soggetto, e che gli permette di "tenersi insieme", di andare avanti; nel caso di Roger, l'assenza di una figura paterna nella sua vita, a causa della guerra. Faticando a metabolizzare, a elaborare questa perdita nella vita quotidiana, l'ha tradotta nella musica.
Queste considerazioni esulano e trascendono il giudizio musicale sull'album, che ha i suoi bei momenti, ma nel complesso mi sembra ben lontano dai vertici che i Pink Floyd hanno saputo toccare in passato, e toccheranno in parte anche in seguito, stavolta con Gilmour al volante.
Voto: 7


--------------------
"Di tutte le aberrazioni sessuali, forse la più aberrante è la castità." (R. De Gourmont)
PMEmail Poster
Top
 
bungle77
Inviato il: Lunedì, 25-Nov-2019, 17:05
Quote Post


Chocolate King
Group Icon

Gruppo: Contributors
Messaggi: 3178
Utente Nr: 381
Iscritto il: 06-Set-2009



QUOTE (Ayrton 2112 @ Lunedì, 25-Nov-2019, 16:16)
ma nel complesso mi sembra ben lontano dai vertici che i Pink Floyd hanno saputo toccare in passato, e toccheranno in parte anche in seguito, stavolta con Gilmour al volante.

dai su con Gilmour al volante hanno toccato il fondo...


--------------------
And the sea isn't green
And I love the queen
And what exactly is a dream
And what exactly is a joke...


Ciò che è troppo diverso da quello che siamo soliti pensare, ciò che ci è impossibile pensare, quello lo chiamiamo nulla. (Cornelius Noon)
PMEmail Poster
Top
 
vale
Inviato il: Lunedì, 25-Nov-2019, 17:16
Quote Post


Little Red Robin Hood
Group Icon

Gruppo: Contributors
Messaggi: 2009
Utente Nr: 39
Iscritto il: 31-Mag-2007



QUOTE (bungle77 @ Lunedì, 25-Nov-2019, 17:05)
QUOTE (Ayrton 2112 @ Lunedì, 25-Nov-2019, 16:16)
ma nel complesso mi sembra ben lontano dai vertici che i Pink Floyd hanno saputo toccare in passato, e toccheranno in parte anche in seguito, stavolta con Gilmour al volante.

dai su con Gilmour al volante hanno toccato il fondo...

The division bell non mi dispiace...con tutte le considerazioni fatte sui P.F. nel mio post su The final cut..
Lapse of reason...brrrrr....
PMEmail Poster
Top
 
bungle77
Inviato il: Lunedì, 25-Nov-2019, 17:30
Quote Post


Chocolate King
Group Icon

Gruppo: Contributors
Messaggi: 3178
Utente Nr: 381
Iscritto il: 06-Set-2009



QUOTE (vale @ Lunedì, 25-Nov-2019, 17:16)
QUOTE (bungle77 @ Lunedì, 25-Nov-2019, 17:05)
QUOTE (Ayrton 2112 @ Lunedì, 25-Nov-2019, 16:16)
ma nel complesso mi sembra ben lontano dai vertici che i Pink Floyd hanno saputo toccare in passato, e toccheranno in parte anche in seguito, stavolta con Gilmour al volante.

dai su con Gilmour al volante hanno toccato il fondo...

The division bell non mi dispiace...con tutte le considerazioni fatte sui P.F. nel mio post su The final cut..
Lapse of reason...brrrrr....

anche a me TDB non dispiace, ma non è paragonabile ai pink floyd dei bei tempi


--------------------
And the sea isn't green
And I love the queen
And what exactly is a dream
And what exactly is a joke...


Ciò che è troppo diverso da quello che siamo soliti pensare, ciò che ci è impossibile pensare, quello lo chiamiamo nulla. (Cornelius Noon)
PMEmail Poster
Top
 
Ayrton 2112
Inviato il: Lunedì, 25-Nov-2019, 20:28
Quote Post


Purple Piper
****

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 1007
Utente Nr: 820
Iscritto il: 22-Gen-2016



QUOTE (bungle77 @ Lunedì, 25-Nov-2019, 17:05)
QUOTE (Ayrton 2112 @ Lunedì, 25-Nov-2019, 16:16)
ma nel complesso mi sembra ben lontano dai vertici che i Pink Floyd hanno saputo toccare in passato, e toccheranno in parte anche in seguito, stavolta con Gilmour al volante.

dai su con Gilmour al volante hanno toccato il fondo...

Dissento nella maniera più assoluta, AMLOR e - soprattutto - The Division Bell sono due signori album ahsi.gif


--------------------
"Di tutte le aberrazioni sessuali, forse la più aberrante è la castità." (R. De Gourmont)
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (2) [1] 2  Reply to this topicStart new topic

 



[ Script Execution time: 0.4610 ]   [ 20 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]