Mappa Utenti

Entra in Chat
Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )

Pagine : (3) 1 2 [3]   ( Vai al primo messaggio non letto ) Reply to this topicStart new topic

> Il grande equivoco del prog odierno?
 
giuse
Inviato il: Venerdì, 29-Set-2017, 08:39
Quote Post


Lucky Man
**

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 133
Utente Nr: 814
Iscritto il: 07-Set-2015



Felice di essere irrimediabilmente irrimediabile
PMEmail Poster
Top
 
AntonioC.
Inviato il: Venerdì, 29-Set-2017, 10:09
Quote Post


Prog-Nauta
***

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 358
Utente Nr: 792
Iscritto il: 06-Dic-2014



l'arlecchino doc è entusiast e non considera prog almeno i 3/4 di quei nomi.
PMEmail Poster
Top
 
AntonioC.
Inviato il: Lunedì, 13-Nov-2017, 13:20
Quote Post


Prog-Nauta
***

Gruppo: Senior Members
Messaggi: 358
Utente Nr: 792
Iscritto il: 06-Dic-2014



QUOTE (river @ Mercoledì, 13-Set-2017, 13:41)
QUOTE (Peppe @ Mercoledì, 13-Set-2017, 09:39)
QUOTE (giuse @ Mercoledì, 13-Set-2017, 10:33)
Sono d'accordo con Antonio.
Gli elementi settantiani si sono quasi del tutto persi, ed è normale sia così.
Sono passati quasi 50 anni da In The court of Crimson King, sono veramente tanti...è come se un ascoltatore del 1970 prendesse come riferimento la musica del 1920.
E sono d'accordo anche  con Ayrton, magari partendo dai Riverside si può fare il percorso contrario.

Si può fare ancora grande prog con elementi settantiani, vedi i Nexus, tanto per fare un esempio. Quindi non si può dire che certe caratteristiche sono andate perse.

Riguardo al percorso al contrario, be', quando troverete qualcuno che partendo dai Riverside (o dal metal) arriva poi ai Magma e agli Univers Zero fatemi un fischio gia.gif gangialf.gif asd.gif

Peppe

Questo è altrettanto un discorso da presuntuosi. A questo punto ti direi: conosci i Magma, ma non conosci i Mercury Tree? Peggio per te. Non è affatto escluso che si conoscano entrambe le direzioni delle radici di un albero.

Ecco l'opinione che ha dei Mercury Tree Mike Johnson, mastermind dei Thinking Plague:

"Un'altra band interessante è un giovane gruppo americano abbastanza nuovo ed estremamente innovativo denominato The Mercury Tree, da Portland, Oregon, con i quale Thinking Plague e Hamster Theatre hanno fatto dei concerti assieme. Si stanno evolvendo in un incredibile super trio, il cui leader utilizza la tecnologia dal vivo, looping, ecc. (non tracce pre-registrate) per moltiplicare la sua chitarra, tastiera e voce al fine di ottenere tre musicisti extra sul palco, tutti in tempo reale. La loro musica è talvolta ferocemente sofisticata e diabolicamente complessa, ma abbastanza sorprendente, molto colorata e interessante. Stanno scrivendo rock "avant prog" per strumenti microtonali, e suonano come un mix tra 5uus e Sonic Youth con un po’ di King Crimson anni 80. Sono davvero notevoli. Dacci un ascolto."
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (3) 1 2 [3]  Reply to this topicStart new topic

 



[ Script Execution time: 0.4635 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]